Come Decorare una Parete con Tappezzeria Strappata ?>

Come Decorare una Parete con Tappezzeria Strappata

Un effetto davvero straordinario: uno strappo sul muro che scopre un lembo di carta da parati. Risulta essere uno stupefacente trompe d’oeil perchè se ti avvicini e lo tocchi scopri che è un effetto pittorico creato ad arte, con le ombreggiature del trompe d’oeil, giocate là dove si arriccia la carta, trasformano in realtà. In questa guida ti spiego come realizzarlo.

Occorrente
Acrilici color: verde ossido di cromo, ocra gialla e rossa, bianco, nero, verde brillante chiaro
Pennelli tondi medi e piccoli
Pennelli piatti medi e piccoli
Rullo
Spugna naturale
Guanti monouso
Piatti di plastica
Vecchi giornali
Livella a bolla
Matita

Prima di iniziare il lavoro proteggi il pavimento con dei vecchi giornali. Poi con il rullo dipingi le pareti color panna, mischiando l’acrilico bianco con pochissimo giallo ocra e falle asciugare bene. Aiutandoti con la matita, disegna in varie parti del muro degli “strappi”, sono particolarmente d’effetto attorno agli infissi della porta e delle finestre. Cerca di non esagerare, sistemali in modo equilibrato per dare un effetto di “vecchio ma non troppo”.

Mescola il verde ossido, il bianco e un po di ocra gialla, preparando una quantità sufficiente per tutte le pareti che intendi decorare, diluiscilo con acqua, intingi la spugna scaricando l’eccesso di colore e comincia a passarla sui muri sfregandola con movimenti circolari e cercando di non coprire i disegni fatti in precedenza. Quando la parete sarà ben asciutta comincia a dipingere gli strappi.

Con una base color crema ottenuta con il giallo ocra e poco bianco, prepara il fondo della “finta” carta da parati: aiutati con la riga e la livella per realizzare delle righine verticali con l’ocra rossa; all’interno delle righe dipingi delle roselline con l’ocra rossa schiarita e il verde brillante per le foglie. Poi passa ai lembi di carta strappati dipingendoli con il bianco e realizzando le ombreggiature con il grigio diluito per dare l’effetto di “sollevamento”dal fondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *