Come Creare un’Illuminazione all’Aperto ?>

Come Creare un’Illuminazione all’Aperto

L’illuminazione all’aperto è molto affascinante ma contemporaneamente un problema tecnico nell’essere creato. Infatti, all’aperto la sorgente luminosa è circondata dal buio, non esiste un soffitto, le pareti non ci sono, oppure sono lontane o sono costituite dalla vegetazione. All’esterno poi si devono fare i conti con l’umidità, la pioggia e il gelo ce non vanno assolutamente d’accordo con l’energia elettrica. In questa mia guida ti indicherò come poter creare una buona illuminazione area nel tuo giardino in sicurezza e praticità.

Volendo portare l’illuminazione elettrica in un giardino o su di un terrazzo, è necessario seguire dei criteri ben precisi non solo per ottenere l’illuminazione richiesta, ma anche per rendere un impianto sicuro. Per l’illuminazione generale dovrai utilizzare lampade intervallate fra loro quanto basta per garantire un livello di almeno 5 lux (il lux è la misura di intensità della luce). Tieni presente che l’illuminazione dovrà sopravvivere non solo quando lo usi piacevolmente d’estate, ma anche in presenza di un furioso temporale o di una nevicata.

Come scegliere l’illuminazione migliore per truccarsi
Tutte le parti metalliche dei sostegni, lampadari e portalampade devono essere collegati a terra. Il cavo di alimentazione dell’impianto dovrà, di conseguenza essere collegato a tre fili e rivestito in materiale altamente isolante e resistente. Se l’impianto lo devi sotterrare, lo dovrai far scorrere entro un tubo di acciaio o di plastica molto robusto. Dovrai scavare un solco profondo dai 10 ai 15 cm che colleghi i vari punti luce. In corrispondenza di ognuno di essi dovrai praticare un pozzetto di drenaggio.

Le giunture del cavo dovranno sempre essere limitate al minimo ed eseguite lontano da terra in corrispondenza delle lampade. Con questo tipo di impianto dovrai usare cavo di rivestimento in gomma. Ricorda che le prese elettriche dovranno essere alte da terra (per esempio sullo stelo che sostiene le lampade) e di tipo stagno con sportellino metallico di protezione. L’interruttore generale dovrà essere posto all’interno della casa per consentirne la manovra all’asciutto. Quando fai l’impianto sospeso dovrai tendere un cavetto di acciaio lungo il percorso illuminato. A questo dovrai poi fissare con fascette metalliche il cavetto di alimentazione rivestito in plastica (tipo sotto piombo). Anche in questo caso le giunture dovrai eseguirle entro gli stessi portalampade che dovranno essere del tipo adatto per esterni con involucro in ceramica e l’ingresso dei fili anti sgocciolamento e quindi impermeabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *